Calendario 2016

feb17

FEB

La musicoterapia è una forma di psicoterapia che consente di comunicare sul piano non verbale, attraverso la musica e gli elementi musicali (suono, ritmo, melodia, armonia), influendo positivamente sia sul fisico che sulla psiche.
Attraverso la musica il terapeuta riesce ad entrare in comunicazione con l’Io del paziente, partendo dal principio che ciascuno di noi abbia una propria “identità sonora individuale” (ISO). Il codice sonoro diventa inoltre strumento di integrazione all’interno di un gruppo, uniformandone le dinamiche di comunicazione.
La musicoterapia si è rivelata molto efficace in quelle patologie in cui il paziente vive una condizione di isolamento, come l’autismo. Grazie alla terapia con la musica, bambini autistici inizialmente chiusi al mondo esterno riescono a trovare un canale espressivo non verbale mediante il quale esternare stati d’animo, emozioni e sentimenti. Le sedute di musicoterapia con i bambini affetti da disturbi dello spettro autistico, inoltre, possono essere organizzate e gestite in maniera differente a seconda delle necessità dei pazienti.
Anche le persone affette dal morbo di Alzheimer possono trarre benefici dalla terapia con la musica. Nel 2001 l’American Academy of Neurology ha definito la musicoterapia una valida tecnica per migliorare le attività funzionali e ridurre i disturbi del comportamento dei malati di Alzheimer.
La musicoterapia ha anche altre applicazioni: a scopo preventivo può essere un utile sostegno psicologico per gli anziani che devono passare gli ultimi anni della propria vita in una casa di riposo, o per le donne in gravidanza come percorso da affiancare al corso di preparazione al parto, per imparare a rilassarsi e a raggiungere uno stato di benessere psicofisico per affrontare al meglio l’evento.
Sedute musicoterapiche possono essere consigliate anche ai giocatori d’azzardo patologici che seguono un percorso psicoterapico: in genere per i ludopatici si raccomandano improvvisazioni al pianoforte, ascolto di musica rilassante e dialoghi sonori.
Ultimamente, la musicoterapia viene impiegata in fase sperimentale per trattare casi di afasia a seguito di una lesione cerebrale. Diversi studi hanno anche determinato che applicando la musicoterapia ai casi oncologici si ottiene una significativa riduzione dello stress e dell’ansia legata alla scoperta della malattia.


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.