Calendario 2016

feb19

Feb

Curiosità sulla salute - Influenza e raffreddore: cibi da preferire e da evitare per stare meglio

Con l'arrivo del freddo arrivano i primi malanni di stagione. Grazie ad una corretta alimentazione, però, è possiile rafforzare il sistema immunitario, aiutando in questo modo l'organismo a contrastare influenza e raffreddore.

Il giusto apporto di vitamine e sali minerali, infatti, aiuta a superare i sintomi in maniera più rapida, a partire dalla febbre, fino ad arrivare alla congestione nasale e ai dolori alle ossa. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme quali cibi preferire e quali invece evitare per stare meglio.

Alimenti da preferire
Alcuni cibi aiutano più di altri a rafforzare il sistema immunitario, fornendo all'organismo le vitamine e i sali minerali idonei a contrastare il raffreddore e l'influenza. Tra questi si annoverano ovviamente gli agrumi. Quest'ultimi, infatti, aiutano a prevenire un eccessivo accumulo di muco a livello delle vie respiratorie. In questo modo è possibile evitare disturbi come difficoltà respiratorie e congestione nasale. A tal proposito vi consigliamo di introdurre nella vostra alimentazione agrumi come mandarini, arance e pompelmo.

Un altro valido aiuto contro influenza e raffreddore è rappresentato dall'aglio. L'aglio è ricco di fitonutrienti con proprietà antibiotiche e antivirali; mentre i flavonoidi presenti nella cipolla lavorano in sinergia con la vitamina C degli agrumi al fine di contrastare i batteri.


Se oltre l'influenza si soffre anche di mal di gola, allora dovete mangiare un pezzetto di zenzero fresco. Quest'ultimo aiuta ad attenuare il bruciore e il dolore in poco tempo. Tra gli altri aliemnti, vi suggeriamo inoltre la lattuga, il miele, l'ananas, succhi freschi, brodo di verdura, cavoli, cannella, ma anche mango, zuppe e centrifugati di frutta e verdura.

Alimenti da evitare
Se gli alimenti appena citati aiutano a contrastare i malanni invernali, vi sono altri che dovrebbero invece essere evitati. Alcuni cibi, infatti, possono indebolire il sistema immunitario, portando ad aumentario il rischio di incorrere in disturbi respiratori.

Tra gli alimenti da evitare quando si è influenzati o raffreddati si annovera la carn. In base ad alcuni studi, sembra infatti che i grassi animali possano ostacolare la capacità dell'organismo di liberarsi dai germi che provocano raffreddore e influenza. Il latte e i latticini, a loro volta, possono provocare un aumento della formazione di muco e la sua permanenza lungo le vie respiratorie. Questo potrebbe quindi portare ad un prolungamento dei sintomi influenzali.

Da non dimenticare gli alimenti eccessivamente ricchi di zucchero, come dolci industriali e bevande gassate. Questi alimenti, infatti, possono contenere latte e latticini che vanno ad incrementare appunto la formazione di muco, oltre ad appesantire la digestione. Allo stesso tempo, mangiare snack salati e cibi fritti quando si ha febbre o raffreddore può causare problemi di digestione e contribuire alla disidratazione.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.