Calendario 2016

giu18

Giu

Monica VallanGourmama


INSALATA DI QUINOA CON FAGIOLINI, MAIS, MOZZARELLINE
Ingredienti: per 4 persone
- 200 gr di quinoa rossa, bianca e nera
- 2 cipolle dorate
- 300 gr di fagiolini
- 150 gr di mais cotto al vapore
- 300 gr di ciliegie di mozzarella
- 20 gr di germogli misti di barbabietola e ravanello
- 400 ml di acqua
- sale grosso q.b.
- olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione:
1.Lavare accuratamente la quinoa per eliminare ogni traccia di saponina, il suo naturale rivestimento protettivo.
2.In una padella fare scaldare un filo d’olio e tostare leggermente la quinoa, la tostatura serve per esaltarne il gusto.
3.Portare a ebollizione l’acqua (la quantità d’acqua è sempre il doppio del peso della quinoa), salare e versare i semi tostati. Mescolare e cuocere per 15 minuti a fuoco basso coprendo la pentola con un coperchio. 4.Trascorso il tempo di cottura, fare riposare la quinoa per altri 5 minuti senza togliere il coperchio, quindi versarla in una ciotola sgranando i semi delicatamente con una forchetta. Se il procedimento è stato eseguito correttamente, non sarà rimasta acqua nella pentola perché completamente assorbita dai semi che risulteranno ben gonfi.
5. Mondare e lavare i fagiolini e cuocerli a vapore; una volta pronti tagliarli a pezzetti (in due o in trea seconda della lunghezza).
6. Mondare le cipolle, tagliarle a fettine sottili e farle appassire in una padella con qualche cucchiaio d’acqua.
7. Risciacquare i germogli e farli asciugare su carta da cucina.
8. Risciacquare velocemente il mais per eliminare il gusto dell’acqua di conservazione e farlo asciugare su carta da cucina.
9. Tagliare a metà le ciliegie di mozzarella.
10. Comporre ora l’insalata di quinoa con fagiolini, mais, mozzarelline, cipolla, germogli e condire con un filo d’olio extravergine d’oliva.
Piccolissimi semi rossi, bianchi e neri, ricchi di proteine, fibre e minerali, in particolare magnesio, ferro, zinco e fosforo, caratterizzano l’insalata di quinoa con fagiolini, mais, mozzarelline proposta oggi. Utilizzata come un cereale, la quinoa in realtà non lo è: “l’oro degli Inca“, così viene chiamata la quinoa per la sua antichissima origine, altro non è che il seme di una pianta erbacea. I semi, contenuti nella spiga della pianta, sono altamente digeribili e privi di glutine, adatti pertanto anche ai celiaci. Coltivata da oltre 5000 anni nelle Ande, la quinoa è stata riscoperta in tempi abbastanza recenti e il suo consumo cresce ogni giorno di più grazie alle sue enormi qualità
nutrizionali.

-----------------------------------------------------------------------

LE SOLUZIONI NATURALI CONTRO IL SUDORE ASCELLARE

Il sudore ascellare è una condizione fisica naturale, ma purtroppo quando il sudore in questa parte del corpo e non solo, diventa eccessivamente abbondante, si parla di iperidrosi. L'iperidrosi è consideratauna patologia che interessa le ghiandole sudoripare, causando una produzione in quantità maggiore di sudore, rispetto alla norma. Questo fenomeno, nella maggior parte dei casi può essere circoscritto, oppure può coinvolgere diverse parti del corpo.

Sull'aumento della sudorazione ascellare, influisce lo stress, il nervosismo, l'ansia,l'alimentazione poco sana, l'utilizzo di prodotti troppo aggressivi o scadenti che alterano il Ph naturale della pelle e infine la genetica, come sempre resta uno dei principali fattori che possono dare origine alla comparsa di questo problema.

Il sudorespesso diventa incontrollabile, fino a provocare un senso di imbarazzo e disagio, ma in natura esistono dei rimedi per combatterlo e controllarloin maniera efficace.

Vediamoalcune soluzioni naturali contro il sudore ascellare.

La Salvia, riduce il sudore in eccesso, assorbendo il cattivo odore.

Cosa dovete fare? Semplice, dovete preparare un deodorante naturale.

1.Prendete un tegame, metteteci 300 ml di acqua, aggiungete 30 foglie di salvia fresche o essiccate e portatead ebollizione a fuoco lento.

2. Dopo aver portato a termine questo passaggio, lasciate riposare il compostofino a quando non si è completamente raffreddato. A questo punto, filtratelo con un passino da cucina e versateloin un contenitore munito di spray.


3. Usatelocome un classico deodorante sotto le ascelle, oppure potete utilizzarlo anchesu tutto il corpo.

Il Limone, grazie alle sue proprietà astringenti è in grado di regolare il sudore ascellare e assorbire l'odorequando risulta essere particolarmente sgradevole. Dovrete tagliareuna fetta di limone e strofinarla direttamente sotto le ascelle, ripetendo questo tipo di applicazione per 2 o 3 volte al giorno.

Disagio, imbarazzo? Stop al sudore ascellare!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.